Come fare per... - Attività dei certificati


Certificato del casellario giudiziale
Scheda aggiornata al 19/04/2016
DOVE

Il certificato del Casellario Giudiziale può essere richiesto all’Ufficio del Casellario presso le Procura della Repubblica, a prescindere dal luogo di nascita o di residenza.

 
Può essere richiesto:
  • di persona alla Procura della Repubblica di Trapani, presentando la richiesta presso l’Ufficio del Casellario Giudiziale;
  • via posta inviando la richiesta alla Procura della Repubblica di Trapani, Ufficio del Casellario Giudiziale, Via XXX Gennaio, 91100 Trapani (TP);
  • tramite l'accesso al sito www.giustizia.it, cliccando sul link "servizi online", "servizi al cittadino" e "accedi".
Cos'è

Riporta i provvedimenti definitivi risultanti a carico di una persona fisica e può essere:

  • generale, riportante la “storia” giudiziaria, ovvero tutte le iscrizioni conseguenti a provvedimenti giudiziari definitivi in materia penale, civile e amministrativa;
  • penale, riportante tutte le iscrizioni conseguenti a provvedimenti giudiziari definitivi in materia penale;
  • civile, riportante tutte le iscrizioni conseguenti a provvedimenti giudiziari definitivi in materia civile e le pene accessorie che limitano la capacità civile del condannato.
Ha validità di sei mesi dalla data del rilascio e può essere richiesto in qualsiasi ufficio del Casellario presso le Procure della Repubblica, a prescindere dal luogo di nascita o di residenza.
 
Dal 1 gennaio 2012, nei rapporti con le amministrazioni pubbliche tali certificati sono sostituiti obbligatoriamente da autocertificazioni (art. 40 D.P.R. 445/2000 come modificato dall’art.15 legge 183/2011).
Chi può richiederlo

L’interessato o un suo delegato; il genitore esercitante la potestà o il tutore nel caso di minorenni o interdetti.

 
Nel caso di delega, la richiesta deve essere comunque firmata personalmente dall’interessato e accompagnata da:
  • fotocopia del documento di identità del firmatario;
  • delega sottoscritta dal richiedente il certificato;
  • fotocopia del documento di identità del delegato.  
Nella delega deve essere specificato se questa vale anche per il ritiro del certificato.
Come si richiede

Il certificato può essere richiesto presentando istanza presso lo sportello competente, tramite posta ovvero collegandosi al sito internet www.giustizia.it. 

La domanda deve essere corredata di:
  • fotocopia del documento di identità non scaduto o, se straniero extracomunitario, la copia del permesso di soggiorno o del passaporto con visto d’ingresso in corso di validità;
  • marche da bollo e i diritti dovuti;
  • delega firmata dall’interessato e la fotocopia della carta di identità di delegato e delegante (nel caso in cui la domanda sia presentata da un delegato). 
Per le richieste via posta il destinatario deve coincidere con la persona a cui si riferisce il certificato. Alla domanda è necessario allegare, oltre ai documenti descritti ai punti precedenti, anche una busta compilata con l’indirizzo del richiedente e affrancata per la risposta.
Costi
  • Una marca da bollo da € 16,00;
  • Una marca da bollo da € 3,84 per diritti di segreteria (€ 7,68 se il certificato è richiesto con urgenza).

Per i certificati ad uso concorso, volontariato ed emigrazione non è necessaria la marca da € 16,00 ma solo quella da € 3,84.

Il rilascio all’interessato è gratuito quando il certificato è richiesto:
  • per controversie di lavoro, previdenza e assistenza obbligatoria;
  • per le procedure di adozione, affidamento di minori e affiliazione;
  • per essere unito alla domanda di riparazione dell’errore giudiziario;
  • per un procedimento nel quale la persona è ammessa a beneficiare del gratuito patrocinio.
Tempi
  • I certificati con urgenza entro le 24 ore dalla richiesta
  • I certificati senza urgenza dopo due giorni lavorativi